Torino-Milano: il meglio e il peggio

Treno - Toolbox Coworking TorinoAnche il torinese più incallito prima o poi deve ammetterlo: benché Torino sia tanto più bella e vivibile di Milano -questo almeno è quello che pensa chi abita all’ombra della Mole Antonelliana- la città della Madonnina offre un tessuto economico più movimentato di quello sabaudo e i wwworker più avveduti ben presto si ritroveranno a viaggiare tra Torino e Milano più di quanto avessero pianificato. E allora ben venga una top five dedicata al meglio e al peggio per viaggiare tra Torino e Milano.

 

5 – Auto in solitaria

Dopo una lunghissima sequela di lavori di ampliamento, l’autostrada Torino-Milano è finalmente pronta per essere percorsa in lungo e in largo da tutte le auto del mondo. Peccato che tutti i benefici dell’esistenza di tre corsie belle ampie e l’innalzamento dei limiti di velocità siano irrimediabilmente vanificati una volta giunti nei pressi di Milano e fagocitati dagli ingorghi che puntualmente danno il benvenuto all’incauto freelance che sperava di fare colpo sul cliente con un arrivo in auto. Da usare solo ed esclusivamente se l’obiettivo NON si trova a Milano ma in una delle numerose cittadine della cintura meneghina.

 

4 – Auto in carpooling

Gli svantaggi rimangono gli stessi ma con il carpooling, che poi sarebbe la condivisione di un auto per percorrere un tragitto ben specifico, almeno si dividono i costi dell’autostrada e del parcheggio. A questo punto, può essere conveniente mollare l’auto all’altezza del nuovo polo fieristico di Rho e muoversi a Milano con la metro. Certo, condizioni sine qua non sono la disponibilità di un’auto libera e di altri tre freelance con appuntamento proprio nel vostro stesso giorno, il che fa di questa opzione una strada percorribile molto, molto raramente.

 

3 – Alta Velocità Trenitalia

Per carità, i nuovissimi treni ad alta velocità che sfrecciano tra Torino e Milano sono davvero belli e puliti (quasi come i TGV che da decenni già sfrecciano impassibili sulla rete ferroviaria francese) e, almeno per quanto abbiamo potuto sperimentare in prima persona, molto più puntuali di tutte le altre opzioni offerte da Trenitalia. Eppure 30 Euro 30 continuano a sembrarci un prezzo troppo alto, specialmente per chi non dispone di budget da multinazionale. Il freelance più accorto lascerà il piacere di spendere più di 60 euro andata e ritorno al manager incrauattato o al principe del foro, riservandosi l’uso della Freccia nel caso di una giornata particolarmente fitta di appuntamenti o di estrema stanchezza, per accelerare il ritorno a casa.

 

2 – Interregionali Trenitalia

Nonostante gli sbandieratissimi investimenti, chi prende il treno Torino-Milano sa cosa paga ma non sa mai cos’ha in cambio: treni diversi, a due piani a uno, a open space (di due tipi) o a cellette, non ne parliamo poi delle caratteristiche che dovrebbero interessare i pendolari o chi viaggio per lavoro. A volte la presa per la corrente c’è, a volte manca. Lo stesso dicasi per il riscaldamento. Peccato che il prezzo sia sempre lo stesso. Unica nota positiva rispetto al passato è la presenza del personale addetto alla pulizia che passa prima di ogni nuova partenza a pulire le carrozze. Ciononostante è sempre dietro l’angolo il rischio di incappare in carrozze puzzolenti, sporche, senza riscaldamento, toilette non funzionanti chiuse o peggio ancora non funzionanti e aperte al libero passaggio. Unico vantaggio, l’ampia disponibilità di orari e l’esistenza di fermate intermedie tra Torino e Milano. Si tratta Opzione più economica ma anche più imprevedibile.

…and the winner is…

1 – Arenaways

Abbiamo provato il nuovo treno Arenaways una sola volta, quindi statisticamente questo parere lascia parecchio a desiderare. Resta il fatto però che il treno è arrivato in perfetto orario e ripartito con altrettanta puntualità, che la carrozza era ben illuminata e pulita e che il biglietto si può fare sul treno senza alcuna sovratassa tramite una biglietteria touch screen o rivolgendosi direttamente al capotreno. Tutte le postazioni hanno il tavolino e una presa di corrente e al centro del treno c’è una carrozza bar, che offre persino un caffè decente! Il tutto per 17 Euro sola andata (anche se fino a fine febbraio il prezzo si abbassa a 10 Euro). Certo, si potrebbe obiettare che il costo è comunque elevato rispetto a un normale interregionale, ma allo stato attuale i benefici sembrano ampiamente giustificare i costi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: